Il blog di Genni

Quando iniziai a lavorare quindici anni fa, proposi da subito lo stile d’illustrazione delle Caricature classiche e grottesche.
Esasperavo i difetti come regola vuole, ma mi accorsi, dopo i primi eventi, che regalavo esperienze poco piacevoli.
Infatti, i soggetti che ritraevo, vivevano malissimo il momento, con il risultato che quello che sarebbe dovuto essere un regalo simpatico e goliardico, diventava un’esperienza spaventosa. Come mai? Perché vedere su un foglio i difetti che tanto detestiamo del nostro aspetto, ingigantiti proprio come sotto una lente d’ingrandimento…  può far paura! Li conosciamo già benissimo e li vediamo ogni giorno davanti allo specchio, giudice inappellabile della nostra fisicità e felicità, la mattina presto, la sera tardi o in qualche immancabile tag non richiesto del “simpatico” amico di turno su Facebook (tutti ahimè ne abbiamo almeno uno!), e vi assicuro che è sufficiente!

Io non volevo essere quella maledetta lente d’ingrandimento…. UMANA! Proprio no!

Così iniziai a pensare ad un modo per rendere positiva l’esperienza delle caricature.

Avendo studiato Fumetto, l’idea non tardò ad arrivare! Partii da me: cosa ho sempre sognato da bambina? Diventare un fumetto/personaggio dei cartoni animati! 

Decisi allora di disegnare le persone come sarebbero se qualcuno li inserisse in un cartone animato o fumetto. Così, la nuova tipologia di Ritratti/Caricature, che amo definire “Ritratti a fumetti/manga” , piacque così tanto che anche i più timidi, alla fine me ne richiedono uno a fine evento o dopo averne visti un paio di altre persone. 

E il sorriso sui loro volti per me è il regalo più grande! 

Inoltre, con gli anni ho imparato che un ritratto, non è solo un disegno della realtà freddo e distaccato, ma un modo di raccontare ciò che percepisco di voi. La vostra espressione, le micro espressioni, la luce degli occhi che vi definisce in quell’esatto frangente,  come spostate i capelli dietro le orecchie, se vi mettete in posa o se non vi mettete in posa, il semplice rimanere in silenzio davanti a me, mi racconta moltissimo anche della vostra personalità! E non posso far altro che raccontarlo in ciò che sto disegnando, trasformando l’esperienza in qualcosa di magico.  

Tranquilli però, non sono diventata Cal Lightman del telefilm “Lie to me”!

Ma entro in empatia con voi. Provare per credere!
Se invece volete una panoramica dei miei lavori, visitate la sezione dedicata all’interno del sito.
A presto!