Tag: festa aziendale

A Gennaio sono stata invitata a Firenze per lavorare come Caricaturista e ritrattista, durante il meeting: AM  Energy forward – Annual Meeting 2019.

In pratica si tratta di uno degli eventi internazionali più attesi dall’industria petrolifera e del gas, in quanto riunisce leader globali per discutere di questioni chiave sul tema e per conoscere meglio le ultime innovazioni del settore. Insomma per un evento così, una Ritrattista ci calza a pennello! Siete d’accordo? La verità è che ho trovato la descrizione della fiera su internet, perché durante l’evento non ci ho capito NULLA! Insomma, ma quando mi inviteranno al meeting internazionale di manicure, make up e chiacchiaraccie tra donne? A parte gli scherzi… nonostante gli argomenti trattati fossero molto tecnici, è sempre stimolante esplorare nuove realtà. Come dico sempre, l’importante è fingere di aver capito tutto con grossi sorrisoni, annaffiando il tutto con dell’ottimo prosecco.

Arrivata a Firenze sono andata a fare il chek-in in Hotel e poi di corsa al meeting che si svolgeva nella ex stazione ferroviaria della città : la Leopolda. è una struttura molto grande, ma d’inverno… un po’ freddina. La prossima volta metterò delle maglie più pesanti! Ritrattista malaticcia modalità on  =____=‘

In ogni caso l’agenzia che mi ha contattato, l’ha allestita meravigliosamente!

In questa sala si è svolto l’aperitivo per i partecipanti del congresso, ed io dovevo girare tra gli ospiti per disegnare le Caricature. Essendo tutti stranieri ho potuto esercitare il mio inglese e scoprire che… Va davvero bene! Scusate l’entusiasmo, ma… è incredibile pensare che due anni fa non sapevo dire una parola e sudavo freddo quando mi trovavo in queste situazioni, mentre ora ci sguazzo come un pesce.

La prossima lingua che desidero imparare è il francese. Non so perché, ma mi affascina da sempre. Voglio diventare una caricaturista poliglotta!

Mentre aspettavo l’arrivo degli ospiti, cominciai a preparare tutti i materiali per disegnare ritratti e caricature. Nel mentre decisi di fare un giro esplorativo. C’erano tantissime macchine strane!

 

Questa è un aragosta meccanica, giusto?

E questo? il nuovo modello del Kenwood chef?

Dopo il giretto esplorativo, cominciò la festa. Chiacchierai con tutti e devo dire che i più entusiasti furono gli americani e gli indiani. Desidero così tanto fare un evento di lavoro all’estero… portatemi con voi!!!

Ecco una della caricature realizzate durante la festa:

Finita la serata, misi a posto pennarelli, fogli e disegni e tornai in hotel. Firenze di notte è splendida! Così mi cambiai e feci una rilassante passeggiata per la città. Entrai in un locale e ordinai un margherita alla fragola. All’improvviso, la telefonata di un’amica in codice rosso da cuore spezzato!!! Non potendo raggiungerla a Milano, passai la serata al telefono con lei… Distratta dalle chiacchiere, tra un:”è solo un’idiota tesoro, meriti di meglio” e un :”Appena torno a Milano gli do fuoco!”, mi feci portare un altro margherita alla fragola. Erano molto buoni e l’alcool si sentiva poco. Ma dopo il secondo ero abbastanza brilla! Morale: credo di averle dato i consigli migliori del mondo! Ma meglio evitare la prossima volta.

Tornata in hotel, mi lanciai sul letto e mi addormentai come una bambina.

Il mattino seguente, malinconica, presi il treno per tornare a Milano… cara Firenze, mi sei rimasta nel cuore. Spero di tornare presto!

Nell’attesa della Fiera Mido di quest’anno… vi racconto quella dell’anno scorso! Prima di tutto, ecco di cosa si tratta: Mido è la Mostra Internazionale di Ottica, Optometria e Oftalmologia che ha luogo presso la Fiera di Milano. Si tratta di un appuntamento di riferimento di grande interesse e fulcro mondiale per l’intero settore. 

Per il mio settore invece, caricature e ritratti, diciamo che ormai è diventata una tradizione: ogni anno alcune aziende che espongono durante il Mido, utilizzano i miei ritratti e caricature come Gadget da regalare ai visitatori/clienti… E il risultato, anche l’anno scorso, è stato un grande successo!

Ecco qualche disegno. Cosa ne dite?

 

L’anno scorso avevo cominciato da poco il corso d’inglese, e ahimè, non ero ferratissima. Così l’azienda, mi ha affiancato questa meravigliosa donna: Cristina. Siamo entrate in confidenza in pochissimo tempo e soprattutto ci siamo divertite moltissimo. Per me, uno dei modi migliori per dare il massimo sul lavoro, è conoscere persone speciali. Grazie universo!

Ora invece parlo inglese senza problemi.

Durante il giorno lavoravo in fiera come Caricaturista e Ritrattista, e la sera presenziavo alcune feste e cene. La festa di Carrera mi colpì particolarmente.


In occasione del Mido infatti, sono stati reclutati alcuni artigiani per fabbricare, durante la serata, occhiali da vista e da sole. Era davvero affascinante poterli vedere all’opera!

Prima di iniziare avevo una fame incredibile ma, come spesso accade, quando comincio a lavorare, passa tutto. Dimentico pure come mi chiamo. è un ottimo modo per rimanere in forma! Ma saltare i pasti non è mai salutare… il metabolismo rallenta da matti. Quindi, se mi vedete, ricordatemi di tanto in tanto, che devo mangiare!

Durante la festa, come al solito, ne ho combinato una delle mie. Non riesco proprio a farne a meno =__=’  C’era un tipo davvero affascinante e dopo avergli disegnato la caricatura, abbiamo cominciato a parlare. Ero talmente tesa che iniziai a gesticolare come una matta. Lui rideva alle mie battute, mi sorrideva, mi parlava di tante cose e… e… e sì, sembrava proprio interessato!

Così, mentre cercavo di inventarmi un modo per chiedergli il numero,  ecco che si avvicina un cameriere con un vassoio pieno di calici di vino rosso… circa una trentina. Inavvertitamente l’ho urtai, e tutti i bicchieri (e sottolineo TUTTI!) finirono addosso al mio sfortunato interlocutore, macchiandogli inesorabilmente il bellissimo completo grigio di Armani. 

Fu costretto ad andare via dalla festa. Inutile dirvi che non ebbi mai il suo numero! Chissà come mai.

Tranquilli, faccio disastri solo in campo sentimentale. Sul lavoro sono una macchina!

I ritratti e le caricature, furono davvero molto apprezzati da tutti gli ospiti (ottici, medici, etc…). Ma gli eventi durante la fiera di Milano, sono sempre super interessanti. Si incontrano persone simpatiche, brillanti e… ricche di idee.

Alla prossima fiera allora!

L’idea (come sempre!) me l’avete suggerita voi! Siete una fonte inesauribile di creatività.

Dunque, era una notte buia e tempestosa… Naaa, non è vero, ignoratemi! Era una mattina come tutte le altre, quando un cliente mi chiama per chiedermi un servizio come Caricaturista davvero speciale: fare caricature e ritratti in ufficio, a domicilio! L’idea mi elettrizzò da subito.

Cercammo insieme un modo per renderlo più efficace possibile, ma soprattutto usufruibile per tutti.  Quindi, in base al numero di dipendenti, decidemmo quante ore/giorni farlo durare. In questo caso è bastata una mezza giornata. Io ero in sala riunioni e a turno i dipendenti venivano a farsi fare il Ritratto/Caricatura. Ma la cosa che mi piace di più di questa tipologia di servizio è suonare in azienda e rispondere alla domanda:”Scusi, chi è?” con uno spiazzante: “Buongiorno, sono la Caricaturista a domicilio!”. L’effetto WOW è garantito! Amazon levati proprio.

Ecco qualche scatto durante il primo esperimento.

La sorpresa piacque proprio a tutti!

Il secondo esperimento ha avuto luogo in un’azienda nel torinese. Essendo in molti, è durato circa tre giorni.

Ma come dico spesso, viaggiare non  mi pesa affatto, anzi è bellissimo! Quindi se siete in Liguria, Sicilia, Sardegna, Trentino, Messico, Thailandia, Bora Bora, Abu Dhabi, Francia, etc… Non vi fate nessun problema! La vostra Caricaturista di fiducia arriverà ovunque! 

Pennarelli, fogli, passaporto e un sorriso grosso come una casa, non mi mancano di certo!

Perchè se non ci si diverte, si gode solo a metà!

Coming soon nei vostri uffici.

Durante questa manifestazione adoro particolarmente girare per la città in cerca di cose interessanti da vedere. Quest’anno ho lavorato come Caricaturista e Ritrattista durante la fiera per la Magniflex. Non vi dico la quantità di morbidissimi materassi esposti allo stand… Ho rischiato pisolini fulminanti in più di un occasione!

Ma non vi preoccupate! ho resistito.

Appena arrivata al Salone del mobile, come mio solito, mi sono persa 58 volte. Anche perché sono arrivata durante l’aperitivo serale… e tutti i visitatori stavano uscendo. Così, davanti al fiume di gente che usciva (io ero l’unica che entrava!), mi è sorto il dubbio di stare sbagliando qualcosa.

Per fortuna mi sbagliavo! L’evento infatti, era solo per una ristretta cerchia di clienti. Arrivata allo stand, armata di fogli e pennsarelli, mi sono subito messa a disegnare Caricature e Ritratti.

Tra i vari ospiti e clienti…. LUI!!!  Martín Castrogiovanni!!! Non potevo lasciarlo andar via senza un ritratto!

è davvero super simpatico e… dolcissimo!

 Oltre alla Ritrattista/Caricaturista, l’azienda aveva previsto anche una meravigliosa band Jazz/swing. Disegnare con questa musica di sottofondo mi rende il tutto ancora più piacevole.

Ecco intanto qualche lavoro al Salone del Mobile:

Voi però mi fate sempre spaccare dalle risate! ^___^

Al prossimo salone del mobile!

Per Natale i miei clienti organizzano feste aziendali strepitose, luminose e magiche! Proprio per questo, aspetto il mese di Dicembre sempre con trepidante attesa.

Anche i matrimoni ai quali mi capita di lavorare si colorano di un affascinante atmosfera romantica e festosa, gelida all’esterno, come la neve, ma con un morbido cuore caldo all’interno, come un gigantesco camino acceso che costringe tutti a stare più vicini per sentirne il tepore… L’amore!

Ok, ora la smetto. Troppa dolcezza.

Il 13 Dicembre dunque sono stata ingaggiata come Caricaturista e Ritrattista da un’azienda che per l’occasione ha affittato il Teatro Vetra di Milano! Cioè… mica una stanza… TUTTO IL TEATRO!!! 

Quando sono entrata nella location sono stata letteralmente investita da mille luci colorate, enormi alberi addobbati, musica rilassante e festosa, camerieri che si affaccendavano nella preparazione delle isole food per gli ospiti, complicate prove tecniche audio e video, fotografi e hostess bellissime.

L’ambiente aveva luci molto soft, per renderlo più rilassante, e per questo mi hanno preparato una postazione sotto un faretto luminosissimo, di modo che potessi disegnare i ritratti e le caricature senza problemi.

Sistemata la postazione e me stessa, ho cominciato immediatamente a lavorare.

Paola e i suoi bellissimi capelli, ricci e biondi, sono stati un ottimo inizio! 

Terminato soddisfatta il suo ritratto, alzo la testa e vedo un enorme coda di persone che nel frattempo si era formata senza che me ne accorgessi. Dovete sapere che quando disegno le caricature, spesso sono così concentrata e assorta da non vedere nient’altro! Potrebbe esplodermi una bomba nucleare accanto e non farei nessuna piega. Eccovi qualche scatto:

Ad un certo punto mi si avvicina una donna, anzi… una super donna!

Mentre disegno cominciamo a chiacchierare di femminilità:

Lei: “La ceretta va fatta, SEMPRE”.

Io: “sempre sempre?”

Lei: “SEMPRE!”

Io: “ok” (prendo appunti)

Lei: “E non dimenticare il rossetto!”

Io: “Si cioè, ogni tanto lo mett…”

Lei: “SEMPRE! In casa, soprattutto! Per non dimenticarti che sei splendida!”

Io: “Ok, sono splendida” (Prendo ancora appunti)

Segnato tutto. Ora, sono pronta ad essere la più splendida fra le splendide! Adoro la forte sicurezza, e l’enorme fascino che ne scaturisce, di queste donne. Sembrano conoscere profondamente i segreti della sensualità e custodirli dentro, consce dell’enorme tesoro che la vita gli ha donato. Perché essere affascinanti e sensuali non dipende affatto dall’aspetto fisico. Si può essere esteticamente perfetti, oggettivamente perfetti, ma se dentro non si possiede quel qualcosa, quella fiamma, quel sapore raro, quel colore indefinito, un’anima che è morta e rinata un milione di volte, una vastissima gamma di sentimenti e di emozioni (perchè nel bene o nel male, sono stati provati tutti, senza paura!), quella presenza magica che ti permette di riempire enormi stanze vuote solo con la tua presenza… Allora meglio lasciar perdere e puntare su altro! Proprio come me: io punto sulla Nutella da sempre cari miei.

Ne ricavo solo enormi brufoli in faccia eh, ma non m’importa. è tutto ciò che ho da dare: Nutella.

Concluso l’evento aziendale, ripongo matite e pennelli e vado a salutare i titolari dell’agenzia di eventi ringraziandoli. La mattina dopo, mentre faccio colazione nel mio solito bar vicino casa, ricevo una loro email… Meravigliosa:

“Ciao Genni, ti volevo ringraziare per il tuo lavoro di ieri sera.

Sono stati tutti molto entusiasti e ti sei dimostrata una persona veramente professionale.”

Sorrido. Torno a casa, guardo l’enorme pila di illustrazioni da consegnare… Metto il rossetto e inizio a lavorare.