Tag: disegno dal vivo

Sapevate che esisteva un festival dedicato al mondo del lavoro? Ah sì… Lo sapevate?!? Bene, io no. Perché devo essere sempre l’ultima a sapere le cose?

Dunque quest’anno, insieme ad altri due colleghi, ho partecipato alla manifestazione chiaramente in veste di Caricaturista e Ritrattista a fumetti.   L’evento si è svolto a Milano nella vecchia fiera. Da casa mia è abbastanza lontano e il primo giorno, paranoica come sono della puntualità, sono partita due ore e mezzo prima dell’orario indicato… Ok, ho grossi problemi! Ma ci sto lavorando: due settimane fa per esempio ho fatto ben 2 minuti di ritardo ad una serata con amici. Poi ho trascorso la serata a soffiare in un sacchetto di carta per farmi passare l’ansia. Ma questa è un’altra storia.

Torniamo al Festival del Lavoro. Ecco il super pass:

Arrivata in fiera, ho fatto colazione e incontrato i due colleghi: Federico Cecchin e Marco Mantellini. Abbiamo fatto un breve sosta caffè e ci siamo subito recati dal nostro cliente.

Breve premessa: un mese prima Federico, che si occupava dell’organizzazione del lavoro allo stand, disse che mi avrebbe preparato una maglia da indossare per renderci più visibili e subito riconoscibili durante il Festival del lavoro. “Ottima idea!” – Pensai. Poi un’ombra di preoccupazione giunse come un falco ad appesantirmi la giornata: si ricorderà che sono una donna e che non indosso magliette extra large? Ma soprattutto… Che sono una donna SINGLE!  Non posso vestirmi da spaventapasseri e puntare tutto sulla simpatia, perché quando sono in imbarazzo parlo di cose a caso: pesca a strascico, sudorazione ascellare, perché gli antichi egizi portavano quegli improbabili gonnellini, e via discorrendo. Per non parlare dei guai che combino se solo provo a muovermi: vassoi rovesciati, mani in faccia perché gesticolo troppo, tentativi di entrata in porte vetri chiuse ma troppo pulite. Insomma… signori miei, la morale è che: “L’aspetto fisico è IMPORTANTE!”

Ecco com’è finita:

Un chirurgo pronto ad operare pazienti gravissimi. La Caricaturista fantasma ufficiale del Festival del Lavoro. Una tenda coi tacchi. Il lenzuolo perfetto per il vostro prossimo cambio letto. 

Nonostante tutto, voglio ancora bene a Federico ^__^

Ecco intanto il Team Ritrattisti e Caricaturisti al completo:

Credo che in tre giorni siamo riusciti a disegnare circa 1000 ritratti! Il fiume di gente allo stand, in coda per il Gadget Caricatura, sembrava non finire mai. I consulenti del lavoro ospiti del Festival sono parsi da subito entusiasti per l’iniziativa dell’azienda RTS che ci ha ospitiati.


Solo un piccolo avviso per i prox eventi: ricordatevi che la mia taglia… è la Small… proprio come me! Sono il famoso vino nella botte piccola. ihihihih!

A parte gli scherzi, guardate com’ero piccina in confronto a Federico e Marco:

Una Caricaturista Tascabile! Pratica e comoda per ogni occasione.

Il terzo giorno di fiera, sono andata da sola perché i miei due colleghi avevano in agenda altri eventi. Nonostante fosse la giornata di chiusura, la coda per il Ritratto si è formata immediatamente dalla mattina presto!

Camicia a parte è stato davvero elettrizzante disegnare Caricature e ritratti a ritmo serrato. La stanchezza in questi casi… diventa la certezza dell’arrivo di un miglioramento!

Viaggiare per lavoro mi ricarica sempre moltissimo. Infatti, anche se vivo a Milano, mi sposto in qualunque paese!

Una decina di giorni fa, sono stata a Sagrado, paesino del Friuli, come Caricaturista e Ritrattista, per la Festa dell’Udinese Calcio e dei suoi sponsor. Ho preparato la valigia e sono partita alle 8 di mattina, in modo da arrivare con grande anticipo, e avere la possibilità di prepararmi accuratamente… ehm… Noi donne abbiamo bisogno di taaaaaanto tempo.  

Arrivata in location, il responsabile evento mi mostra la stanza/appartamento dove avrei alloggiato… cucina, soggiorno, bagno e due camere da letto. Un sogno!

Posato la valigia e posizionato i miei effetti personali nel solito ordine maniacale/ossessivo, sono uscita a farmi un giro per la Location. Per chi non lo sapesse, in casa sono particolarmente precisa e ordinata. Odio pensare che ci sia anche una piccola penna fuori posto e se sono sconvolta per qualcosa, DEVO PULIRE.

Conoscete Monica Geller del telefilm Friends? Ecco.

Così sono uscita in giardino e ho scoperto che il posto, la Tenuta Castelvecchio, possiede un giardino molto verde e… Terribilmente romantico! Sì, avete capito bene. Tra il verde rigoglioso dei prati e all’ombra dei giganteschi alberi che sembrano desiderosi di abbracciarti, c’è una piccola struttura in pietra che ricorda molto una cappella. Inutile dirvi che l’immaginazione ha cominciato a galoppare e l’immagine fiabesca dell’incontro perfetto che avrei sicuramente avuto quella sera, si è palesata chiara nella mia testa sognatrice e piena di fuffa.

Tornata in camera, mi rendo conto di essere maledettamente in ritardo! Comincio a prepararmi.

Piastra per capelli, borsa per il Make up, collant, abito total black… e via!

Terminato il restyling, comincia l’evento. Arrivano tutti i giocatori dell’Udinese Calcio: panico: uno più carino dell’altro!

Dopo essere svenuta un paio di volte, mi metto a lavoro. Mi presento spiegando loro come funziona il servizio di Caricature e Ritratti, ammettendo purtroppo, di non capirne nulla di calcio! Nell’aria si respirava un lieve malumore a causa di una sconfitta subita  giusto qualche giorno prima dalla squadra. Spero che i miei Ritratti/Caricature gli abbiano risollevato l’umore!

Comincio a disegnare:

In giardino un terzetto d’archi e Arpa. Sarei rimasta ad ascoltarli per ore.

Ad un certo punto, individuo l’allenatore della squadra e il direttore tecnico. Li bracco e li disegno! Non sono una ritrattista… ma un vero cecchino!

Mentre disegno, si avvicinano i giornalisti di Sky per un intervista… Sudore e panico! Nonostante il principio di svenimento, sono riuscita a concludere e a regalare la Caricatura. Vorrei potervi mostrare le foto… Ma ero talmente presa che ne ho fatto pochissime. Ho disegnato quasi tutta la squadra dell’udinese con l’idea di rubare qualche scatto a fine serata… Ma non è stato possibile perché sono andati via tutti insieme all’improvviso, dopo circa un’oretta. Che delusione!

Finita la serata, sono tornata stanca morta all’hotel… e il principe azzurro? Eh no… non c’è stato tempo nemmeno per lui! Incontro della vita rimandato… !

Quando iniziai a lavorare quindici anni fa, proposi da subito lo stile d’illustrazione delle Caricature classiche e grottesche.
Esasperavo i difetti come regola vuole, ma mi accorsi, dopo i primi eventi, che regalavo esperienze poco piacevoli.
Infatti, i soggetti che ritraevo, vivevano malissimo il momento, con il risultato che quello che sarebbe dovuto essere un regalo simpatico e goliardico, diventava un’esperienza spaventosa. Come mai? Perché vedere su un foglio i difetti che tanto detestiamo del nostro aspetto, ingigantiti proprio come sotto una lente d’ingrandimento…  può far paura! Li conosciamo già benissimo e li vediamo ogni giorno davanti allo specchio, giudice inappellabile della nostra fisicità e felicità, la mattina presto, la sera tardi o in qualche immancabile tag non richiesto del “simpatico” amico di turno su Facebook (tutti ahimè ne abbiamo almeno uno!), e vi assicuro che è sufficiente!

Io non volevo essere quella maledetta lente d’ingrandimento…. UMANA! Proprio no!

Così iniziai a pensare ad un modo per rendere positiva l’esperienza delle caricature.

Avendo studiato Fumetto, l’idea non tardò ad arrivare! Partii da me: cosa ho sempre sognato da bambina? Diventare un fumetto/personaggio dei cartoni animati! 

Decisi allora di disegnare le persone come sarebbero se qualcuno li inserisse in un cartone animato o fumetto. Così, la nuova tipologia di Ritratti/Caricature, che amo definire “Ritratti a fumetti/manga” , piacque così tanto che anche i più timidi, alla fine me ne richiedono uno a fine evento o dopo averne visti un paio di altre persone. 

E il sorriso sui loro volti per me è il regalo più grande! 

Inoltre, con gli anni ho imparato che un ritratto, non è solo un disegno della realtà freddo e distaccato, ma un modo di raccontare ciò che percepisco di voi. La vostra espressione, le micro espressioni, la luce degli occhi che vi definisce in quell’esatto frangente,  come spostate i capelli dietro le orecchie, se vi mettete in posa o se non vi mettete in posa, il semplice rimanere in silenzio davanti a me, mi racconta moltissimo anche della vostra personalità! E non posso far altro che raccontarlo in ciò che sto disegnando, trasformando l’esperienza in qualcosa di magico.  

Tranquilli però, non sono diventata Cal Lightman del telefilm “Lie to me”!

Ma entro in empatia con voi. Provare per credere!
Se invece volete una panoramica dei miei lavori, visitate la sezione dedicata all’interno del sito.
A presto!